Loving People Through Food
May 192012
 

 481  960x720 pita bread   Foto
Si. E’ un’ invasione. Greca. :O)
Magari tra qualche settimana cambio anche il dominio al mio blog.. non più pici e castagne ma… feta e moussaka…. che ne sapete… magari….
Vabbè, ma anche no dai, che sennò poi vi confondo troppo le idee… però ecco, io ve lo avevo detto tempo fa in occasione dei mount pelion cheese bread che vi avrei presto riportati in Grecia!
 482  960x720 pita bread2   Foto
E poi è arrivata Anna, che con i suoi meravigliosi small pocket feta-cheese pies ci ha nuovamente catapultati tra profumi, colori e sapori che ormai sono inconfondibili, che basta il pensiero per stare già meglio..
Nel frattempo che preparo una nuova ricetta di Anna (eh sì, lei mi vuole proprio bene :O) ) vi lascio la ricetta di questo pita bread che ho preso dal libro di Vefa.
 483  960x720 pita bread3   Foto

PITA BREAD
Print
Autore:
Ingredienti
  • farina 350 gr
  • sale 1 cucchiaino
  • lievito di birra secco 1 cucchiaio
  • zucchero 2 cucchiaini
  • olio EVO 2 cucchiai
  • acqua tiepida 175 ml
Istruzioni
  1. Amalgamare la farina con il lievito precedentemente sciolto in poca acqua.
  2. Unire lo zucchero, l' olio, il resto dell' acqua ed il sale.
  3. Coprire l' impasto e farlo lievitare per circa 30 minuti.
  4. Ricavare 6 palline dall' impasto e stendere 6 dischetti di pasta.
  5. Far lievitare per altri 10 minuti.
  6. Riscaldare una padella leggermente unta e quando è ben calda cuocere le pite per un paio di minuti per lato.

 

 button print gry20   Foto

Ti potrebbero interessare anche:

La signorina Pici e Castagne

  10 Responses to “PITA BREAD”

  1.  

    ma che fai tutte ricette che mi piacciono?! ma cavolo mi ci vuole una vita per provare tutto!!!!! Buon fine settimana :-)

  2.  

    eheeheh viva la grecia allora! :)

  3.  

    E… sai quanto amo i lievitati! *_* da queste parte sempre cose buone! Sere li farcisco tipo piadina? ( appena li ho visti ho pensato subito ai pancakes di cui parlavamo …ma nn ho letto il buttermilk tra gli ingredienti :D) Buon sabato :*

  4.  

    @ombretta: tutto sta a cominciare :O) eheh… è bello sapere che abbiamo gli stessi gusti in cucina, ma del resto, guardando il tuo blog, voglio dire.. era scontato!!!! golosone….. un bacione tesoro!!

    @benedetta: direi proprio di si, w la Grecia!!! un po’ di supporto spirituale in questo periodo non guasta… bentornata cara!!!!!

    @simona: no simo!!!!! i pancakes al buttermilk li pubblicherò domani :O) per il pita bread invece sì, io ho aspettato che fossero completamente freddi e poi li ho spaccati in due e farciti con un’ insalata di ceci… a domani con la colazione a base di pancakes!!!! bacione!!

  5.  

    sapessi quanto mi piace la grecia, il suo mare i suoi colori e il suo cibo, adoro lo yogurt con il miele, l’insalata con la feta e la pita con dentro la carne di pecora il pomodoro e la salsa tzatziki, mi sa che mi hai fatto venir una gran voglia di sta roba.. è un po la cugina della piadina.. in versione un po più grossetta!!! se vuoi continuare sull’onda Ellenica per me va bene ma non cambiare nome ci piace così!!!!!! ;-)
    ora vado a fare un pisolino perchè al solito il sabato, che posso dormire, alle 7 son già sveglia!!! un baciotto tesoro

  6.  

    Sere cara, non è che ti viene voglia di sperimentare anche il cheese Naan e dopo la Grecia arrivare in India? Questa Pita la proverò al volo! BAci

    •  

      tu mi leggi nel pensiero…. 10 gg fa mi è arrivato l’ ultime ordine che avevo fatto su IBS e… bè, c’ era un enorme libro sulla cucina inidiana.. che ha chiaramente influenzato il kulfi ed il red chicken di qualche post fa :O))))
      il naan l’ ho visto e ci ho già messo la linguetta segnalibro! eheh.. è tra i prossimi esperimenti, ci puoi giurare! magari domani….
      bacio!!

  7.  

    serena sei bravissima belle le foto del trabocco è bello anche cio’ che hai scritto sono molto golose le tue ricette te ne rubero’ qualcuno a presto ciao

    •  

      ciao Flavia! sono contenta che ti sia piaciuto il post dedicato al trabocco.. non è facile parlare di una terra che non è la propria senza fare “torto” nessuno eppure descrivendo esattamente quali sono state le sensazioni provate..
      sono curiosa di sapere quale ricetta ti avrà incuriosita tanto da rifarla (proprio tu che sei bravissima!!!)
      un bacione, spero che riusciremo a rivederci presto!

 Leave a Reply

Richiesto

Richiesto

Vota La ricetta: