Loving People Through Food
Nov 072012
 

True Love Ways, Buddy Holly

 1366  800x pici e castagne pan co santi 2   Foto

 Il pan co’ santi.. dovrei sentirmi terribilmente in ritardo rispetto al calendario, eppure questo pane dolce che fa parte della tradizione autunnale toscana si continua a mangiare per fortuna anche al di fuori dei giorni dedicati alla festività.

A dirla proprio tutta, si affetta pan co’ santi finchè si hanno le mani libere, prima che saranno  tutte dedicate tra qualche settimana alla preparazione di cavallucci, ricciarelli, panforte e cantuccini vari.

 1370  800x pici e castagne pan co santi   Foto

Certe volte vorrei che tutte queste comodità sparissero, che l’ abbondanza fosse solo di cuore, mi costringo ad un po’ di rigore, a qualche rinuncia, non solo per parsimonia ma per gustare a pieno quello che c’ è in tavola quando è il suo momento. Solo così mi sembra di rendere quel piatto davvero protagonista.

 1367  800x pici e castagne pan co santi 3   Foto

Oggi potrei mangiare pan co ‘ santi ogni volta che voglio, che ci vuole? Eppure non voglio, perché ogni boccone non è una questiona di gola, è una questione intima di ricordi, di tazze di tè fumanti  strette tra le dita intirizzite dal freddo, è quella dolcezza non eccessiva che quasi rappresenta un premio di mezza giornata, è la ricchezza delle noci e dell’ uvetta, la semplicità della pasta del pane, la magia dell’ autunno che piano piano farà spazio all’ inverno riempiendo la mia vita di nuovi colori e sapori.

 1368  600x pici e castagne pan co santi 4   Foto

Il pan co’ santi è una di quelle ricette che a casa si possono anzi si devono fare, che io quest’ abitudine a comprare le cose fatte proprio non la condivido. Ma la capisco.

Certo, oggi non preparo 20 pani e non li adagio sulle teglie che poi in processione si portavano al forno del paese come faceva la nonna, di pani ne preparo di meno, o almeno non tutti insieme!, ma lascio che il loro profumo invada casa, che i miei pomeriggi diventino più dolci, e sono felice perchè  l’ autunno è una seconda primavera, quando ogni foglia è un fiore (Albert Camus).

 1369  600x pici e castagne pan co santi 5   Foto

IL PAN CO' SANTI
Print
Tipo Ricetta: Dolci, Cucina Toscana
Autore:
Tempo Preparazione:
Tempo Cottura:
Tempo Totale:
Servire: 2
Ingredienti
  • farina 1 kg
  • uvetta 300 gr
  • noci sgusciate 500 gr
  • olio EVO 1 bicchiere
  • zucchero 100 gr
  • lievito di birra 50 gr
  • pepe
  • acqua 400-500 gr
  • tuorlo 1
Istruzioni
  1. Sciogliere il lievito in un po' di acqua tiepida.
  2. Amalgamare la farina con lo zucchero.
  3. Impastare la farina con l' acqua.
  4. Incorporare l' olio, l' uvetta, le noci ed una macinata di pepe.
  5. Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati dividere l' impasto in due.
  6. Coprire le pagnottine e farle lievitare per 2 ore circa in un luogo tiepido e al riparo da spifferi.
  7. Preriscaldare il forno a 180°.
  8. Spennellare la superficie dei pani con il tuorlo battuto.
  9. Infornare i pan co' santi per circa 40-50 minuti.
 button print gry20   Foto

Ti potrebbero interessare anche:

La signorina Pici e Castagne

  19 Responses to “Taste Of Tuscany : : IL PAN CO’ SANTI”

  1.  

    Il sole autunnale è una meraviglia, ti riempie di luce senza farti male…e questo pane è uno splendore, viene davvero voglia di farne subito uno! Poi se ti riporta a dei ricordi cari non c’è proprio scampo,bisogna correre subito a impastare!
    Buona giornata
    Manuela

    •  

      oh che bella cosa, è proprio come dici tu. il sole d’ autunno ti riempie di luce, dolcemente, una coperta luminosa… ed è ancora più bello sedersi su una panchina per un picnic o unamerenda improvvisata..
      baci baci baci baciiiii

  2.  

    Toscana che vai.. usanza che trovi….non lo conoscevo. Pane ricco di uvetta, noci e poesia. Brava pici.

  3.  

    Condivido tutto (come al solito mi verrebbe da dire!). I piatti della tradizione vanno fatti e non comprati e soprattutto vanno gustati dopo qualche rinuncia per dar loro il giusto spazio e la giusta importanza. Buona giornata Signorina :)

    •  

      comincio ad avere sospetto di una nostra separazione alla nascita :O) eheheh….
      però sono fermamente convinta che rinunciare un po’ ci permette di apprezzare di più le cose, quelle che abbiamo, quelle nuove, quelle che desideriamo davvero.
      bacisssssimi!!!!!

  4.  

    Penso che il pan co’ santi sia tipico della zona di Siena e delle tue parti, anch’io come Annarita non lo conoscevo fino a quando le mie cugine che abitano a Poggibonsi non l’hanno portato ad un pranzo di famiglia. E sono rimasta folgorata, è buonissimo. Mi ero riproposta di farlo, forse quando torno da Londra ci provo (anche se sarò terribilmente in ritardo!).
    un bacio mia cara.
    Chiara

    •  

      eh ma tanto il pan co’ santi si mangia sempre e persino nei forni della zona lo trovi fino a che non si fanno largo con prepotenza i ricciarelli e i cavallucci :O))) dai dai trona da Londra che così ci incontriamo con l’ Annarita!!!!!! :O****

  5.  

    Tesoro che meraviglia! *_*
    Lo sai che la penso come te in tutto e per tutto no? Ma sì, evito di ripetermi va :P
    Un bacio amica miaaaaa :*

  6.  

    Che cosa vera che hai detto, Sere…. ormai i panettoni compaiono nei negozi fin da ottobre e si vendono cavoli neri a luglio… ma così che gusto c’è?

    •  

      ma che tristezza i panettoni a fine agosto. a parte che fa ancora caldo adesso che a me di mettermi sotto il sole cocente a bere burro fuso e rosicchiare spuntature proprio non viene voglia, ma i panettoni.. quando ancora mi avvicino carponi sfiancata dal caldo e con la lingua di fuori per l’ arsura al gelataio.. no. proprio no. tristezza……

  7.  

    In questo periodo sulla tavola non può davvero mancare questo pane ricco, profumato e peperino :) E quest’anno, farlo col lievito madre è stata una soddisfazione ancora maggiore. Un bacione, buona giornata

  8.  

    che pensieri profondi! condivido! soprattutto il discorso sull’abbondanza e la rinuncia, il gustarsi le cose fatte con le proprie manine, senza per forza riempire il carrello del super… un abbraccio, ciao!

  9.  

    l’ho sentito nominare diverse volte ma non l’ho mai mangiato…dalle tue bellissime foto sembra molto goloso, quasi quasi mi cimento….Un bacione cara Serena…

  10.  

    Credo anche io che alcune pietanze vadano consumate solo in alcuni momenti dell’anno, altrimenti si perde la magia legata alle tradizioni ed ai ricordi. Mi piace da matti il tuo pane proprio per questo, perché é un modo per continuare a far rivivere momenti del passato, come un rituale che non si deve dimenticare.
    Un abbraccio signora mia!

 Leave a Reply

Richiesto

Richiesto

Vota La ricetta: