Loving People Through Food
Dec 182013
 

 2143  600x pici e castagne oanforte 6   Foto

Il panforte Margherita per essere precisi, perchè come scrive Giovanni Righi Parenti ” La differenza sostanziale tra il Panforte Margherita ed il vecchio panforte classico già si nota ad un primo colpo d’ occhio: il vecchio panforte si presenta scuroe viene chiamato Panforte Nero; al contrario il Margherita appare bianco per il velo di zucchero vanigliato che lo ricopre oltre a presentare un impasto chiaro con una trasparenza nei canditi che vi appaiono quali “pietre preziose”.

 2140  600x pici e castagne panforte 4   Foto

Disaffti anniamo nel primo un uso dei frutti trattati con una candidatura per fermentazione che li rende scuri mentre nel secondo caso i frutti canditi hanno subito una candidatura moderna dove il ricambio continuo dello sciroppo permette di seguire il processo senza giungere mai alla fermentazione del liquido di trattamento.”

 2139  800x pici e castagne panforte   Foto

Il panforte Margherita è il panforte che sono abituata a mangiare io, quello con lo zucchero a velo sopra e i canditi trasparenti: God save the Queen e benedica il giorno in cui Margherita di Savoia venne a Siena per vedere il palio..regalandoci così questa nuova versione del panforte. Perchè questo pane forte e antico così ricco di miele e frutta era roba da ricchi..

Quest’ anno però abbiamo deciso di fare dei piccoli panfortini, così piccoli che si possono mangiare in un sol boccone!

Mi piaceva l’ idea di variare un po’ il menù delle feste non tanto nella sostanza quanto nella forma.

 2142  600x pici e castagne panforte 2   Foto

Chi mi conosce lo sa quanto io ami le tradizioni, anche in cucina ma non solo, e se qualcuno mi togliesse i miei dolci natalizi preferiti a tavola sarebbe un po’ meno Natale : ) .

Spero che i vostri preparativi natalizi stiano andando per il meglio, che la vostra casa profumi di frutta, cannella, arancia, mandarino e spezie come la mia.

 2144  600x pici e castagne oanforte 5   Foto

La ricetta tratta dal libro di Giovanni Righi Parenti risale al 1880.

PANFORTE
5.0 from 3 reviews
Print
Autore:
Dolci, Natale
Ingredienti
  • zucchero bianco 2,5 kg
  • candito di cedro 3 kg
  • candito di scorza d' arancio dolce 0,5 kg
  • mandorle pelate e tostate 3 kg
  • farina di grano 00 1,2 kg
  • cannella in polvere 50 g
  • noci moscate in polvere 50 g
  • baccello di vaniglia 1
  • zucchero a velo vanigliato
Istruzioni
  1. Preriscaldare il forno a 180°.
  2. Sciogliere lo zucchero in pochissima acqua.
  3. Tagliare i canditi in pezzetti non troppo piccoli.
  4. Appena lo zucchero comincia a fare il filo si uniscono i canditi e le mandorle.
  5. lasciar cuocere per qualche minuto, poi unire la farina e le spezie.
  6. Lasciar asciugare qualche minuto e poi versare negli stampi piccini o in uno stampo grande.
  7. Cospargere di zucchero a velo.
  8. Infornare e cuocere per circa 15 minuti nel caso di stampi piccini o 25-30 nel caso di uno stampo unico.

 button print gry20   Foto

Ti potrebbero interessare anche:

La signorina Pici e Castagne

  26 Responses to “ The Perfect Bite : : PANFORTE”

  1.  

    i tuoi bocconcini hanno un aspetto magnifico, e mi sfati l’idea che ho sempre avuto del panforte, come di una ricetta estremamente elaborata…diciamo inavvicinabile, invece potrebbe essere fattibile anche x una meno esperta come me! Salutoni, Ilaria Lotti

  2.  

    Sono miei! Direi che quest’anno invece di comprarlo il panforte (lode alla Margherita!), me lo faccio in casa…ecco, l’ho detto! E trascino la mì sòcera in questa avventura (piace solo a noi..)! Salvata e ti saprò dire!
    Abbracciiiiiiiii
    Isabel

  3.  

    Ma tu hai fatto la dose indicata? No perché per comprare 3 kg di mandorle dovrei fare un mutuo!!! *_+
    Adoro però i suoi sapori e la sua consistenza…per quest’anno la vedo dura riuscire a prepararla ma chi mi vieta di farlo dopo le feste? Un bacione

  4.  

    Non essendo toscana non consoco molto il panforte, quindi ti ringrazio per queste notizie, è bello saperne qualcosa di più dei dolci storici natalizi del nostro paese. Ottima idea la versione mignon, carinissimi. Un bacione grande!

  5.  

    Ma sai che non avevo mai visto questo tipo di panforte? La tua versione mini è carinissima e sicuramente più comoda da gustare e che bella foto con quella bella frutta candita.

  6.  

    adoro i dolci tradizionali e la tua presentazione qua è perfetta!

  7.  

    Eh, ma allora tu mi vuoi morta!!!! Mamma mia quanto mi piace…. è una cosa indefinibile, una bontà unica, potrei mangiarmene quattro chili e morire felice di indigestione….
    Un bacio, Tatiana

  8.  

    L’ho sempre visto nelle vetrine delle pasticcerie sul corso principale, purtroppo però non ho mai avuto l’occasione di mangiarlo, né di cucinarlo! Mi sa che l’occasione la troverò presto, i tuoi bocconcini mi hanno ispirata ;)
    Mi piace il fatto di aver variato la forma!! :D

  9.  

    Eccomi!!!!Cara mia che belle queste foto, ormai lo sai quanto mi piacciono e la luce che avvolge le tue creazioni in cucina è veramente suggestiva!E poi diciamo pure che il merito è anche di questi panfortini così belli: ma lo sai che mentre leggevo la storia del panforte Margherita (anche il nome mi piace tanto!) pensavo che anch’io li preferirei all’altra versione, proprio per l’effetto ‘neve’ dello zucchero a velo… adesso non mi resta che assaggiarne uno!;-)

  10.  

    Un giorno ci proverò, promesso, anche perchè il panforte è in dolce di natale che mi apice di più, ma qui non è molto comune.

    Tra l’altro ho dei problemi a condividere questa ricetta su twitter, mi mette uno strano codice! :( Bacetti e Buon Natale!

    v.

  11.  

    Un altro dolce antico, quanto mi piacciono queste ricettine!!! Buonissimo il panforte, quello zuccherino poi lo rende ancora più irresistibile!

  12.  

    Ho giusto in lavorazione il cedro da candire per fare il panforte, questa volta provo la tua ricetta, bravissima!!
    Un abbraccio, ciao

  13.  

    Maaaaaaa esattamente quanti bancali di panfortini one bite vengono con queste dosi? O___O
    Potrebbero bastare solo a me, intendiamoci, ma devono venirne davvero un mucchio!
    Che meraviglia, già ne immagino il profumo e il sapore.

 Leave a Reply

Richiesto

Richiesto

Vota La ricetta: