Loving People Through Food
Apr 062012
 

 249  960x720 img 3155   Foto
Ecco, per un attimo nei tre giorni che ho impiegato a fare queste colombe ho creduto che non riuscissero a spiccare il volo prima dell’ estate…. invece ce l’ ho fatta… oh yeeeeeeeah…
La soddisfazioone quando le tiri fuori dal forno, con la glassa croccante, zuccherina, le mandorle sopra, la pasta soffice e leggera, è paragonabile a poche altre cose al mondo.
Ma vabbè, ad arrivarci a tirarle fuori dal forno! La strada è lunga, tortuosa e piena di pericoli.
 247  385x img 3140   Foto  248  385x img 3151   Foto
Spaventati?! Macchèèèè!!! Ma se ce l’ ho fatta io!
L’ importante è partire dalla pasta madre. Non pensate di poterla sostituire col lievito di birra, nònnònnò, dovete proprio darle vita, coccolarla, seguirla nella crescita, come fosse una figlia.
Qualche settimana fa sono capitata in uno dei miei luoghi preferiti, il Biscottificio Innocenzi (zona Testaccio-Trastevere) e con la signora del forno ci siamo messe a parlare di colombe, di pasta madre, lei mi ha chiesto a che punto stesse la mia, io le ho chiesto di quante settimane fosse la sua, a quando il lieto utilizzo, ci siamo scambiate un paio di informazioni, di consigli, di curiosità.. e tutti i clienti che si erano fermati a sentire (veramente mi sà che stavano facendo la fila per pagare.. ehm.. pardon!) hanno creduto che fossimo due gestanti in attesa del primo figlio.
Ad ogni modo, sono tornata a casa e con rinnovato vigore mi sono messa all’ opera, seguendo passo passo la ricetta delle sorelle Simili.
Il risultato non è stato affatto male, se non fosse che devo aver esagerato con la glassa che è un filino strabordata..
Bon, per quest’ anno è andata così, il prossimo proverò un’ altra ricetta, sento di poter fare meglio, sarà che ormai con la pasta madre ho preso una certa confidenza e poi questi impasti che lievitano a dismisura nel forno, che diventano soffici, profumati, sembrano quasi una magia, anche se so perfettamente che c’ è una spiegazione scientifica dietro a tutto ciò, ma è bello crederci perchè “senza magia, la vita è solo un grande spavento” (Milena Agus)! :O).

COLOMBA A LIEVITAZIONE NATURALE (SORELLE SIMILI)
Print
Autore:
Ingredienti
  • PRIMO GIORNO
  • PRIMO RINFRESCO
  • lievito madre 50 gr
  • farina 00 di forza 100 gr
  • acqua tiepida 50 gr
  • SECONDO RINFRESCO
  • primo rinfresco 100 gr
  • farina 00 di forza 100 gr
  • acqua tiepida 50 gr
  • SECONDO GIORNO
  • PRIMO RINFRESCO
  • lievito madre 50 gr
  • farina 00 di forza 100 gr
  • acqua tiepida 50 gr
  • SECONDO RINFRESCO
  • primo rinfresco 100 gr
  • farina 00 di forza 100 gr
  • acqua tiepida 50 gr
  • TERZO RINFRESCO
  • secondo rinfresco 100 gr
  • farina 00 di forza 100 gr
  • acqua tiepida 50 gr
  • PRIMO IMPASTO
  • terzo rinfresco 240 gr
  • burro morbido 225 gr
  • zucchero 225 gr
  • latte tiepido 400 gr
  • uova 2
  • farina 00 di forza 1 kg
  • tuorli 4
  • SECONDO IMPASTO
  • zucchero a velo 50 gr
  • burro 60 gr
  • mandorle tostate e tritate sottili 30 gr
  • scorza d' arancia candita tritata 300 gr
  • tuorli 2
  • sale 8 gr
  • vaniglia 1 stecca
  • LA GLASSA
  • mandorle pelate e tritate 75 gr
  • zucchero 130 gr
  • albumi 50 gr
  • COPERTURA
  • mandorle non pelate, intere 40 gr
  • zucchero a velo 2 cucchiai
  • zucchero in granella 2 cucchiai
Istruzioni
  1. Impastare gli ingredienti del PRIMO RINFRESCO e lavorarli per 10 minuti.
  2. Formare una palla, inciderla a croce e farla lievitare al caldo, coperta per 3 ore, poi 1 ora a temperatura ambiente.
  3. Impastare gli ingredienti del SECONDO RINFRESCO, formare un filoncino ed avvolgerlo in un panno di cotone.
  4. Chiudere le estremità per bene e porre il "salame" in un recipiente che lo comprima un po'.
  5. Lasciar riposare la pasta per 8-10 ore. (Io l' ho lasciata una notte intera).
  6. Utilizzare la parte più morbida dell' impasto.
  7. Lavorare gli ingredienti del SECONDO GIORNO, PRIMO RINFRESCO.
  8. Impastare per 10 minuti, formare una palla, incidere a croce.
  9. Poi lasciar lievitare in un luogo tiepido per 3 ore e a temperatura ambiente per 1 ora.
  10. Lavorare gli ingredienti del SECONDO GIORNO, SECONDO RINFRESCO.
  11. Formare una palla, incidere a croce e far lievitare per 3 ore in un luogo caldo, poi 1 ora a temperatura ambiente.
  12. Lavorare gli ingredienti del SECONDO GIORNO, TERZO RINFRESCO.
  13. Formare una palla, incidere a croce e far lievitare per 3 ore in un luogo caldo e per 1 ora a temperatura ambiente.
  14. Procedere ora alla lavorazione del primo impasto, che dovrà essere ben amalgamato.
  15. Lasciar lievitare la pasta per una notte al caldo (20°-25°).
  16. Trascorso questo tempo, l' impasto dovrà essere più che raddoppiato.
  17. Amalgamare il SECONDO IMPASTO con il PRIMO IMPASTO e far riposare il nuovo composto per 30 minuti.
  18. Dividere la pasta in 5 forme da 500 gr e far lievitare le colombe per 3-4 ore.
  19. Preriscaldare il forno a 180°-190°.
  20. Preparare la glassa amalgamando tutti gli ingredienti e spennellarla sulle colombe già lievitate.
  21. Cospargere la superficie delle colombe con la copertura ed infornare per 25-30 minuti.

 

 button print gry20   Foto

Ti potrebbero interessare anche:

La signorina Pici e Castagne

  6 Responses to “COLOMBA A LIEVITAZIONE NATURALE (SORELLE SIMILI)”

  1.  

    E INCREDIBILMENTE DI QUEST TEMPI SPUNTI TU! UNA GIOVANE RAGAZZA CHE CON LA CALMA E LA PAZIENZA DI GIOBBE TRASFORMA UN PROCESSO CHIMICO ESALTANDOLO E FACENDOLO DIVENTARE UN’OPERA D’ARTE! IO ALLA MIA VENERANDA ETA’ E CON IL TEMPO CHE MI AVANZA MOM SO SE AVREI QUESTA PAZIENZA! ENCOMI SOLENNI E 11O E LODE DA PARTE MIA!

  2.  

    Thank you for enlightening me about this festive bread! It looks like a pretty intensive recipe … I think buying it from the store might be best for me ;-) I love brioche-type bread and this Italian specialty is just delicious!

  3.  

    …ehi!!!! Ma siamo davvero separate alla nascita, allora!! =D =D Bellissime! Le mie all’interno non erano soffici come avevo sperato, però il sapore era buono sul serio e la glassa mi è piaciuta un sacco! Hai ragione, bisogna provare provare provare provare provare (citazione dal film di Troisi…)! Finché non verrà perfetta! =)))) Baci!!

 Leave a Reply

Richiesto

Richiesto

Vota La ricetta: